Satana contro Benedetto (foto)

La crisi non demorde, anzi avanza a grandi passi e non risparmia, a parte i soliti noti quasi nessuno.

Ogni giorno si hanno notizie gravi sulla caduta della produzione, sulla disoccupazione e sulla diminuzione del potere d’acquisto degli Italiani.

Molte aziende purtroppo rischiano di fallire, l’elenco si allunga sempre di più e persino attività che a tutt’oggi sembravano inattaccabili stanno correndo grossi rischi.

E’ di oggi la notizia che una grandissima azienda, presente su tutto il pianeta, minaccia di portare i libri in tribunale e dichiarare fallimento.

Nell ‘ ultimo tentativo di difesa si è rivolta al garante per la concorrenza accusando la sua più diretta rivale di avere un comportamento sleale.

Questa azienda denominata Inferno, che tutti credevamo eterna, oggi ha comunicato attraverso la voce del suo amministratore delegato, Satana, che le indebite invasioni di campo del Papa gli hanno sottratto una parte consistente della sua clientela tradizionale.

Infatti il Papa, approfittando del suo dominio sui mass media, soggiogando ed assolvendo quella massa di p

olitici scomunicati della destra i quali, commettendo reati e peccati in quantità industriale, sottrae anime lorde all’ Inferno.

Inoltre ricorrendo ad un abuso, ha conferito dignità di persona ad ovuli e spermatozoi allargando a dismisura il numero degli “Aventi Diritto”.

Insomma anche Satana versa in brutte acque. Bisogna dire che il suo avversario per quello che riguarda la malvagità non è secondo a nessuno e inoltre, considerato il momento a lui favorevole, pare che sia intenzionato a lanciare un OPA tesa ad acquistare il cento per cento dell’azienda Inferno.

140px-Satana1.jpg

 

Satana contro Benedetto (foto)ultima modifica: 2009-03-23T19:28:43+01:00da briccone1942
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Satana contro Benedetto (foto)

  1. Casini e Bondi a telecamere.

    Casini ha detto che dietro questo attacca al pastore tedesco, c’e’ la manina di qualche massoneria internazionale.

    Non ho voluto sentire altro, ma quanto a massoneria mi pare che la prima loggia sia nel transatlantico.

    Tina

  2. Ciao Tina, purtroppo stiamo diventando innavertitamente, nostro malgrado, in parte insensibili al vero senso criminoso dei comportamenti. Ogni tanto diamo del Piduista a Berlusconi ma il vero significato della gravità di quella appartenenza sta perdendo senso, sembra che scagliamo un invettiva come tante mentre invece è stato e forse è ancora un tentativo di colpo di stato.
    Mi propongo di argomentare più a fondo la faccenda.
    Ciao.

  3. Ciao Briccone!!! Tragicamente divertente il tuo post!! Ho letto anche il tuo commento qua sopra. Scusa se mi permetto di correggerti ma, a mio modo di vedere, il colpo di Stato è stato attuato e come!! Sono più di 20 anni che il berlusca lavora in questo senso e, sempre secondo me, parlare di Dittatura, oggi, non è affatto sbagliato. Basta guardare alla concentrazione dell’informazione che ha realizzato anche con l’aiuto colpevole delle Amministrazioni dello Stato e di rappresentanti della politica (Craxi in testa) per rendersi conto che oggi stiamo messi molto ma molto male.

    Ti auguro una buona serata.

  4. Ciao Carlo, in effetti il piano rinascita di Licio Gelli prevedeva la presa del potere in maniera incruenta, attraverso l’occupazione “occulta” dei mass media ed altri centri di potere.
    Questo disegno è stato messo in atto, l’unica speranza che ci rimane è che forse non è troppo tardi e solo il fatto di averne coscienza può consentirci di batterlo.
    Ciao e buona serata a Te.

  5. Concordo con Carlo, la dittatura strisciante si e’ insediata nel momento che Bertinotti aveva lanciato la proposta di portare le pensioni minime a un milione delle vecchie lire, subito dopo fece andare a scatasfascio il primo governo Prodi, la volpe caimanica riprese quel tema e mantenne la promessa.
    Ergo:
    Tutti i settantenni furono dalla sua.
    Ovvio che certi provvedimenti hanno creato un buco grosso come le fosse delle marianne, la tornata successiva la vince il centro sinistra, la prima cosa che fa, risanare i conti, vaglielo a spiegare alla gente che sta risanando i casini causati dal centro destra.
    Lui ha preso il potere attraverso la disinformazione e pilotando le notizie, generando paure e insicurezze, mettici che (ammissione a denti stretti), l’ignoranza la sta facendo da padrona (io non so un accidenti dei personaggi televisi, ma sono in grado di stilare un bilancio), questo lo affermo con cognizione di causa anche attraverso il mio viaggio recente nel web, gente che se gli chiedi chi erano i “balilla” ti rispondono che e’ una nota marca di pasta e che stai sbagliando.
    Noi caro Briccone, siamo una generazione che si sta estinguendo, noi sessantenni siamo quelli che non si sono lasciati intimorire e si sono battuti, oggi vedo l’onda degli studenti e incrocio le dita sperando che succeda, che la svolta avvenga, noi possiamo predere atto che il revisionismo della chiesa non rimane solo nelle canoniche ma invade i nostri spazi laici, ma accanto a noi chi c’e’?
    Nel 1997, le mie colleghe di lavoro piu’ giovani mi chiesero di prendere in mano la situazione e portarla avanti, mi dissero che avevano sbagliato a non seguirmi prima, ma che io con la mia preparazione mentale e la mia esperienza sindacale aveva fatto paura.
    Oggi la paura e’ il tema portante delle scelte della massa, paura dello straniero, paura di perdere un piccolo pidocchioso priveligio, paura di non avere ricosciuto il proprio diritto.
    Un popolo che decide sulla base delle proprie paure (reali o indotte che siano) anche se in minoranza, fara’ la distruzione di tutti.
    Tina

Lascia un commento