La Banda della Cristoterapia

Esiste una congrega in Italia che, dietro l’alibi della difesa dei valori cristiani, usa la religione come un orma impropria.

Già la chiesa cattolica fa un uso vergognoso dei sentimenti dei credenti per mantenere od accrescere il suo potere. Stiamo percorrendo una china che rapidamente, dopo il tentativo di papa Giovanni di aprirsi alle ragioni evidenti della società laica, cerca di riportare indietro la storia.

Questa congrega, che possiede tutte le caratteristiche di una setta massonica, è ampiamente traversale ed ha obiettivi che di cristiano non hanno niente.

Dico subito che non ho informazioni complete ed esaustive ma le notizie che mi sono giunte mi permettono di lanciare un segnale d’allarme.

Inizio a descrivere questa setta partendo dalla quella che ritengo sia la “Cupola”.

L’eminenza nera, che pare essere collocata al vertice, è don Gelmini ex prete ridotto, giocoforza da questo papa, allo stato laicale.

Come è noto i presunti comportamenti tenuti dal Gelmini accusato di attuare molestie sessuali nei confronti dei giovani ospiti delle sue comunità. Questo fatto è particolarmente spregevole perchè si avvale della forza ricattatoria derivata dal fatto che questi giovani se resistevano alle avance sessuali correvano il rischio di finire in galera perchè lo loro presenza in quel luogo era dovuta al fatto che erano li per scontare condanne per reati legati perlopiù a fatti di droga.

E’ veramente un impresa difficile assimilare questo comportamento ai dettati che dovrebbero ispirare l’agire da cristiani.

Strano che l’onnisaccente Maurizio Gasparri, presenza fissa dei TG, sempre pronto a dare pareri su tutto. Non sapesse niente e si recava spesso, a spese nostre, in pellegrinaggio da quel santo uomo che , guarda caso, ha la sua comunità più numerosa proprio in Calabria suo, collegio elettorale.

L’interprete ufficiale del “Verbo” di Gelmini è l’iperattivo Meluzzi il quale, fatto inquietante, appare in tutte le trasmissioni TV.

Ricordo abbastanza bene l’esordio sui Mass Media del Meluzzi. Risale ad una quindicina di anni fa nel salotto lanciastronzi di Costanzo. In quel periodo però, forse perchè non ancora toccato, era piuttosto caustico con tutti chiesa compresa. Tutte queste comparsate non furono inutili, gli fruttarono una elezione ad onorevole in forza italia.

Lì probabilmente trovò difficile farsi strada, tanta era la ressa costituita da orfani ex DC, ex PSI, ex di tutto un po’. Allora, dopo tanti tentativi andati a male Luce FU, diventò il memento dinamico ed orale del Gelmini.

Il duo costituisce una vera e propria macchina da guerra che a dire il vero ha parecchi alleati.

E ha dato vita ad una nuova filosofia di vita fondando l’associazione che modestamente hanno intotolato” Cristoterapia”

Di questa faccenda ne parlerò in seguito.

Saluti a tutti.

Però, siccome la mia vena atea pretende di essere citata eccone una.

“Il Diavolo ha reso tali servigî alla Chiesa, che io mi meraviglio come esso non sia ancora stato canonizzato per santo.”


 

La Banda della Cristoterapiaultima modifica: 2009-03-14T20:11:32+01:00da briccone1942
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “La Banda della Cristoterapia

  1. Mi sta assalendo un dubbio (sospendo il periodo sabbatico dalla rete)

    Ma la ministra Gelmini e’ mica parente dell’ex prete Gelmini?

    Se cosi’ fosse… si spiega, una li massacra da piccoli e l’altro da grandi.

    Ma se anche non fosse… Bhe… li si potrebbe abbinare.

    Un cognome… una garanzia.

    Tina

Lascia un commento