Ronde, grave incidente(foto)

L’ esordio delle ronde non è stato dei più felici.

Il mellifluo ministro Marrone si è ben guardato dal diffondere l’increscioso e per molti versi drammatico episodio che ha visto come protagonisti 2 rondisti di Treviso.

Questa città, per colpa dell’incitamento criminale dell’ex sindaco Gentilini, sempre pronto a lanciare campagne xenofobe e a spargere a piene mani la paura fra i suoi cittadini, vive da parecchi anni con i nervi a fior di pelle e perciò si sono moltiplicati i possessori di armi da fuoco, si è installato, nelle case, i sistemi d’allarme più sofisticati. In breve le case si sono trasformate in tanti Forte Apache in perenne attesa dell’assalto dei pellerossa.

E’ naturale che in quella città l’istituzione di Ronde Padane sia stato immediatamente recepito.

Le adesioni sono state numerose ed il servizio è subito iniziato.

E’ a questo punto che si è sfiorata la tragedia.

Una di queste ronde, formata da due Camicie Verdi, sabato notte mentre guardinga si aggirava vigile fra le numerose ville ha captato un rumore misterioso, invece di chiamare il 112 i due imprudenti si sono avvicinati al cancello ed immediatamente hanno percepito uno scalpiccio sospetto.

A quel punto, quasi certi di aver sorpreso qualche rom o extracomunitario intento a commettere un crimine hanno dato una spintarella al cancello e questo si è leggermente aperto.

Davanti alla prova che qualcuno era penetrato all’interno lo hanno spalancato e si sono precipitati nel giardino, hanno sguainato e acceso le torce. La visione che gli si è parata davanti non la dimenticheranno mai, due enormi Rootwailler gli sono balzati addosso sbranandoli.

Le loro urla sono state sentite dal proprietario il quale, allarmato da tanto trambusto, è uscito di corsa imbracciando una doppietta caricata a pallettoni, pronto a far fuoco contro gli eventuali malviventi. Per fortuna ha riconosciuto i due rondoni e pur a fatica, è riuscito

a calmare le due belve.

I due sventurati trasportati al più vicino ospedale sono stati ricuciti e ricoverati con una ventina di giorni di prognosi.

Si è poi scoperto che la causa di tutto questo era da riferirsi alla banale dimenticanza del padrone di casa che si era dimenticato di chiudere a chiave.

Subito intervistati dalla Padania i due feriti nel fisico ma non nel morale hanno dichiarato che continueranno a svolgere il

loro servizio. L’unica cosa che hanno chiesto di cambiare è la zona dove, appena ristabiliti riprenderanno a svolgere il loro servizio.

 

185216-ronde2.jpg185216-ronde2.jpg

 

Ronde, grave incidente(foto)ultima modifica: 2009-03-02T18:50:00+01:00da briccone1942
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Ronde, grave incidente(foto)

  1. Ma quella piu’ divertente e che non hanno potuto nascondere
    Le ronde verdi e le ronde rosse o nere (mi sono messa a ridere e non ho capito il colore) che hanno rotto le scatole alle ronde della polizia.
    Presumo che i canali televisi europei dopo i vari TG annuncino

    E ora signori e signore vi lasciamo con il solito cabaret che ha un gradimento del 90% grazie alla sua quotidiana gamma di separietti nuovi e esilaranti, ecco a voi TG ITALIA.

    Tina

  2. Tina, purtroppo la questione ronde sta assumendo aspetti preoccupanti. Si sta diffondendo una psicosi molto pericolosa.
    Buona parte dei componenti le ronde sono persone che non vedono l’ora di “Dare una Lezione” agli stranieri.
    Questo dà adito a compotementi pericolosi.
    Pare che, nella bassa Bergamasca una ronda composta da 5 rondoni mentre ispezionava con cura una zona buia,disabitata e lasciata in completo abbandono abbia visto un movimento sospetto. Subito è scattato l’intervento, incuranti delle sterpaglie e dei rovi si sono diretti velocemente in quella direzione anche perchè percepivano chiaramenti lamenti e mugolii.
    Giunti nei pressi del punto sospetto come primo intervento, nel tentativo di interrompere l’eventuale stupro hanno dato inizio ad un nutrito lancio di torce e telefonini.
    Scovato il malfattore accovacciato in maniera sospetta gli hanno chiesto, in maniera brusca chi era e cosa stava facendo. La risposta è stata:
    “Mi me ciamo Bepi e sto cagando!”

Lascia un commento